Alert | 15.11.2023

Rivoluzione visti Schengen: ok del Consiglio dell’Unione Europea alla digitalizzazione

È di lunedì 13 novembre la notizia che il Consiglio dell’UE ha approvato due nuovi regolamenti, che saranno presto pubblicati in Gazzetta Ufficiale, che digitalizzeranno completamente la richiesta di visti Schengen, superando gli attuali “stickers”


Marketing & Communication
marketing@lcalex.it

La composizione “Affari Esteri” del Consiglio dell’Unione Europea ha approvato due regolamenti rivoluzionari, il cui scopo è di digitalizzare completamente il procedimento per ottenere visti Schengen (i cosiddetti visti di “breve durata”). Con questi due regolamenti sarà infatti:

  • Creata una piattaforma UE per le domande di visto Schengen: con poche eccezioni, le domande si presenteranno esclusivamente attraverso questa piattaforma, sulla quale i richiedenti potranno inserire tutti i dati pertinenti, caricare copie elettroniche dei documenti di viaggio e dei documenti giustificativi e pagare i diritti per il visto.
  • Renderà superflua la presentazione di persona presso i Consolati: concettualmente la visita personale sarà necessaria solo per i richiedenti che si presentano per la prima volta, per le persone i cui dati biometrici non sono più validi e per le persone che hanno un nuovo documento di viaggio.
  • Sostituirà l’attuale “sticker” con un codice a barre munito di firma crittografica.

 

Come menzionato nell’incipit, si attende ora la pubblicazione dei regolamenti in Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea: dopo 20 giorni dalla pubblicazione i regolamenti entreranno in vigore, ma la data di applicazione dipenderà dall’ultimazione dei lavori, tecnici e infrastrutturali, sulla piattaforma dei visti e sul visto digitale.

È questo il definitivo passo integrativo dell’ETIAS (Sistema Europeo di Informazione e Autorizzazione ai Viaggi), già prefigurato nel 2018 e teoricamente attivo a partire dal Novembre 2023 (leggi qui l’Alert: ETIAS: the new “easy screening” mechanism to access the schengen area): con considerevole ritardo anche l’UE si doterà di un sistema simile all’ESTA, impiegato negli Stati Uniti ormai da parecchio tempo. L’obiettivo, ad oggi, è che, a partire dalla fine del 2024, tutti i visitatori che entrano nell’Unione Europea – con visto o visa waiver – si troveranno a passare attraverso un sistema automatizzato di ingresso/uscita dall’UE (EES), con il sistema ETIAS completamente funzionante a partire dalla metà del 2025.

***

Il team Immigration di LCA è a disposizione per ulteriori chiarimenti sulle questioni sopra menzionate e vi terrà aggiornati sulle ultime novità della legge italiana sull’immigrazione.

DOWNLOAD PDF
Equity Partner
Benedetto Lonato
Senior Associate
Alessia Ajelli

Marketing & Communication
marketing@lcalex.it

Corporate Immigration

LCA vanta al proprio interno un gruppo di lavoro specializzato nelle problematiche relative al diritto dell’immigrazione e della cittadinanza, alla corporate immigration e global mobility e, in generale, in tutti gli aspetti legali relativi alla gestione di personale expatriate.
LINK

Potrebbe interessarti anche

10.01.2024
Immigration: le novità del periodo natalizio

Ecco di seguito le recenti notizie in ambito immigration, con gli ultimi avvenimenti ed interventi in materia che sono intervenuti durante ...

13.12.2023
Nuove regole per la carta di soggiorno per familiare di cittadino UE o italiano

Con la Legge n. 103 del 10 agosto 2023 il governo italiano ha introdotto una nuova distinzione tra (i) familiari extracomunitari di cittadi ...

13.12.2023
La Commissione Europea lancia il pacchetto “Skills & Talent Mobility ...

Poche settimane fa la Commissione Europea ha proposto una serie di misure che mirano a rendere l’UE più attraente per i lavoratori provenie ...