News , Media | 19.03.2021

Pubblicità comparativa denigratoria se non è veritiera


Marketing & Communication
marketing@lcalex.it

Gianluca De Cristofaro scrive su Il Sole 24 Ore di pubblicità comparativa: per il Tribunale di Milano l’illecito scatta se vengono date informazioni false. Contano inoltre le modalità linguistiche di espressione del messaggio: anche in un confronto veritiero è necessario mantenere un linguaggio non tendenzioso e moderato, per evitare di cadere nella denigrazione.

Qui l’articolo integrale.


Marketing & Communication
marketing@lcalex.it

Potrebbe interessarti anche

10.05.2024
Editoria e intelligenza artificiale | Tra tutela e sperimentazione

Oggi, a The Bar parliamo di uno dei temi più in voga degli ultimi tempi: l’intelligenza artificiale e il suo forte impatto nel mondo dell’e ...

24.04.2024
Furla ottiene con LCA la riassegnazione simultanea di oltre 30 nomi a dominio

La World Intellectual Property Organization accoglie le tesi della Maison, disponendo in un’unica procedura la consolidation e il trasferim ...

23.04.2024
Il modello “Pay or Consent” | L’opinione dell’European Data Protection Board

Il Comitato europeo per la protezione dei dati personali si è finalmente espresso sulla validità dei meccanismi “pay or consent”