Alert | 29.01.2021

NutrInform Battery vs. Nutriscore, la battaglia europea del logo nutrizionale


Marketing & Communication
marketing@lcalex.it

Il Decreto interministeriale del 19 novembre 2020 scaturito dalla collaborazione fra il Ministero della Salute, il Ministero dello Sviluppo Economico e il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, introduce una nuova forma di espressione e presentazione supplementare delle informazioni nutrizionali degli alimenti, denominata NutrInform Battery, a causa del logo a forma di batteria che lo caratterizza, che può essere aggiunta alla dichiarazione nutrizionale da parte dell’operatore del settore alimentare su base facoltativa. Il Decreto indica inoltre le condizioni di utilizzo del logo nutrizionale facoltativo, complementare alla dichiarazione nutrizionale, in applicazione dell’art. 35 del Regolamento (UE) 1169/2011 riguardo la fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori.

Tale novità risponde all’esigenza di riportare sull’etichetta degli alimenti informazioni nutrizionali rilevanti allo scopo di contrastare il perpetuarsi di abitudini alimentari scorrette a livello globale che rischiano di compromettere la salute pubblica. Poiché il Regolamento (UE) n. 1169/2011 (“Regolamento”) non ha né imposto né limitato l’adozione di misure europee uniformi circa le modalità di espressione e presentazione delle informazioni inerenti al valore energetico e alle quantità di sostanze nutritive supplementari alla dichiarazione nutrizionale offrendo così la possibilità agli Stati membri di diversificare l’indicazione complementare degli elementi nutritivi degli alimenti, si sono affermati, principalmente due diversi sistemi supplementari di etichettatura delle dichiarazioni nutrizionali, quello a batteria (NutrInform Battery) e quello a semaforo, noto come Nutriscore.

Entrambi i loghi nutrizionali, essendo riportati sul front-of-pack (FOP) dell’imballaggio, richiamano l’attenzione del consumatore, al momento della scelta di un prodotto, su determinati indici nutrizionali, semplificando il momento dell’acquisto tramite immagini elementari, facilmente visibili ed interpretabili. Il governo italiano, in collaborazione con l’Istituto di Sanità ed il CREA, ha optato per l’etichetta NutrInform Battery come alternativa al sistema Nutriscore, utilizzato invece da altri paesi dell’Ue (ad esempio Francia, Belgio e Spagna).

Nel caso di adozione del Nutriscore in Italia, l’olio extravergine di oliva e il Parmigiano Reggiano figurerebbero tra prodotti “poco sani” e, ancora, prosciutti, salami e pasta sarebbero penalizzati da questo sistema di etichettatura. Il sistema a semaforo, a differenza del NutrInform Battery, nella maggior parte dei casi nulla indica in merito a nutrienti e relativi quantitativi. Infatti, la batteria esclude dal campo di applicazione del logo nutrizionale (i) gli alimenti confezionati in imballaggi o in recipienti con superficie maggiore che misura fino a 25 cm² e (ii) i prodotti DOP, IGP e STG (specialità tradizionale garantita), di cui al Regolamento (UE) n. 1151/2012, poiché il rischio di impedire al consumatore di riconoscere il marchio di qualità legato all’origine sarebbe notevolmente elevato.

Qui l’alert completo a cura del Team Food.

Equity Partner
Nicola Lucifero
Mid Level Associate
Martina Terenzi

Marketing & Communication
marketing@lcalex.it

Food

At LCA, we also boast comprehensive and extensive expertise in the Food & Wine sector. Focusing particularly on agri-food law, we have the know-how to provide a range of players with dedicated, specialised legal advice, including: small and medium-sized companies, multinationals, start-ups, agrochemical and agricultural biotechnology companies, breeders, suppliers and distributors, companies operating in the hospitality sector and companies dedicated to food disposal. Our success is a combined result of our profound and diverse knowledge of Italian, European and international industry regulations and long-standing, varied experience in M&A and extraordinary transactions in the agri-food sector.
LINK

Potrebbe interessarti anche

23.05.2024
Nuovi correttivi al D.Lgs. 198/2021

Le novità in materia di pratiche commerciali sleali lungo la filiera agroalimentare

29.03.2024
The Legal 500 (EMEA) – LCA Studio Legale

Usciti i nuovi ranking di Legal 500. LCA in forte ascesa con tante novità sia nei ranking di practice/industry, sia nei ra ...

12.03.2024
LCA con O.P. OASI nella creazione di una organizzazione di produttori transnaziona ...

Nasce in Lombardia l’associazione di produttori agricoli sia italiani che spagnoli attivi nella produzione di materie prime ortofrutticole ...