Alert | 26.03.2024

I rischi penali del greenwashing e la compliance ESG

Oggi, 26 marzo 2024, entra in vigore la direttiva (UE) 2024/825 sulla responsabilizzazione dei consumatori per la transizione verde


Marketing & Communication
marketing@lcalex.it

Il 6 marzo è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea la Direttiva (UE) 2024/825 del 28 febbraio sulla responsabilizzazione dei consumatori per la transizione verde (c.d. Direttiva Empowering).

Come anticipato nel nostro alert del 25 gennaio 2024 la direttiva introduce nuove norme volte a contrastare in modo sempre più efficace le pratiche commerciali sleali idonee ad ingannare i consumatori e ad impedire loro di compiere scelte di consumo sostenibili, quali il greenwashing.

In particolare, la nuova direttiva è intervenuta sul testo della Direttiva 2005/29/CE, introducendo alcune nuove pratiche commerciali sleali.

Tra le azioni ingannevoli previste dall’art. 6 par. 2 Dir. (CE) 2005/29 (recepito nell’art. 21 del Codice del Consumo italiano) è stata espressamente inclusa “la formulazione di un’asserzione ambientale relativa a prestazioni ambientali future senza includere impegni chiari, oggettivi, pubblicamente disponibili e verificabili stabiliti in un piano di attuazione dettagliato e realistico che includa obiettivi misurabili e con scadenze precise come pure altri elementi pertinenti necessari per sostenerne l’attuazione, come l’assegnazione delle risorse, e che sia verificato periodicamente da un terzo indipendente, le cui conclusioni sono messe a disposizione dei consumatori”.

La Direttiva ha, inoltre, introdotto nuove pratiche nella black list delle pratiche commerciali considerate in ogni caso ingannevoli di cui all’Allegato I della Dir. (CE) 2005/29 (recepito nell’art. 23 del Codice del Consumo Italiano):

  1. esibire un marchio di sostenibilità non basato su un sistema di certificazione;
  2. formulare un’asserzione ambientale generica per cui l’operatore economico non sia in grado di dimostrare l’eccellenza riconosciuta delle prestazioni ambientali vantate;
  3. formulare un’asserzione ambientale sul prodotto o sull’attività economica nel loro complesso, quando riguarda, invece, soltanto un determinato aspetto del prodotto e/o dell’attività;
  4. asserire che un prodotto ha un impatto neutro, ridotto o positivo sull’ambiente sulla base della compensazione delle emissioni di gas a effetto serra;
  5. presentare semplici requisiti imposti per legge sul mercato dell’Unione come se fossero tratto distintivo dell’offerta dell’operatore economico.

 

L’OPERATIVITA’ DELLA DIRETTIVA (UE) 2024/825 E I SUOI POTENZIALI RISVOLTI PENALI

La nuova direttiva impone agli Stati membri di adottare e pubblicare entro due anni (i.e. entro il 27 marzo 2026) le misure necessarie per conformarsi alle nuove regole. In Italia, le norme saranno recepite nel Codice del Consumo e saranno applicabili a partire dal 27 settembre 2026.

Al di là degli specifici interventi normativi che ne deriveranno, tuttavia, la direttiva sembra avere un peso più generale.

L’asserzione ambientale, come ogni altra di tipo ESG, sta ormai assumendo rilevanza non solo dal punto di vista reputazionale ma anche, se non soprattutto, da quello della corretta e leale comunicazione aziendale e dell’informazione finanziaria e commerciale.

Se l’attuazione della direttiva non imporrà necessariamente nuovi reati nel codice penale e nelle leggi collegate né di adeguamenti al D.Lgs., 8 giugno 2001, n. 231 in materia di responsabilità amministrativa degli enti, essa in ogni caso consiglierà un’attenta ed approfondita rivalutazione delle procedure e dei presidi aziendali volti alla corretta produzione e gestione delle relative informazioni.

Sono ipotizzabili possibili casi in cui non corrette informazioni in ambito ambientale potrebbero assumere rilevanza anche penale:

  1. truffa: comunicazione commerciale non veritiera in rispetto al reale beneficio ambientale e in tal senso idonea ad indurre in errore il consumatore nella scelta del prodotto, del servizio o dell’investimento;
  2. frode in commercio: vendita all’acquirente di una cosa per l’altra (cd. aliud pro alio) con consegna di un prodotto spacciato per, ad esempio, “sostenibile” o “green”, ma che, in realtà, non lo è;
  3. false comunicazioni sociali: false informazioni in materia ambientale che impattano o alterano i dati economici e patrimoniali della società;
  4. aggiotaggio: informazioni false sulla sostenibilità dell’azienda che diffuse alterano sensibilmente il prezzo degli strumenti finanziari;
  5. ostacolo all’esercizio delle funzioni delle Autorità pubbliche di vigilanza: informazioni ambientali false o ingannevoli che celano ad una o più autorità di vigilanza la realtà economica, patrimoniale e finanziaria dell’azienda;
  6. illeciti fiscali: informazioni ambientali false o ingannevoli che consentono all’azienda di ottenere particolari benefici fiscali relativi all’assunzione di determinate scelte ecologiche.

 

Tali illeciti possono essere anche presupposto di responsabilità amministrativa ai sensi della 231 e, quindi, passibili di produrre in capo all’azienda le relative conseguenze negative.

È dunque sicuramente corretto immaginare, nei modelli 231 esistenti come negli altri presidi di compliance aziendale, un’attività di revisione e adeguamento, al fine di renderli sempre più efficaci nella tutela della corretta comunicazione green aziendale e nella prevenzione di ogni abuso al riguardo.

 

DOWNLOAD PDF

Marketing & Communication
marketing@lcalex.it

Penale

L’attività economica e di impresa è sempre più caratterizzata da rischi, divieti e problematiche che possono assumere rilievo penale. LCA ha quindi costituito un proprio dipartimento di diritto penale, in grado di fornire assistenza altamente specializzata nella prevenzione dei rischi e nella gestione di controversie penali.
LINK

Ambientale

Il diritto dell’ambiente ha una rilevanza fondamentale nella gestione d’impresa: i principi di precauzione e prevenzione richiedono di verificare costantemente il rispetto della normativa ambientale, europea e nazionale. La gestione delle responsabilità ambientali, inoltre, impone una visione strategica per la soluzione di questioni tecniche e insieme giuridiche
LINK

IT & Data Protection

LCA ha maturato una specifica competenza nella gestione delle tematiche e degli adempimenti in materia di privacy, assicurando la totale compliance alla normativa europea (GDPR) e italiana in materia e alle direttive emanate dall’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali. Dedica inoltre da anni una profonda attenzione alle novità su big data e cybersecurity.
LINK

Energy

Lo Studio assiste gruppi nazionali ed esteri, investitori e finanziatori in complesse operazioni di investimento, finanziamento, acquisizione e sviluppo di progetti nel settore delle energie tradizionali (petrolchimico, gas naturale e energia elettrica) e rinnovabili (solare, eolica, geotermica, idrica e biomasse), occupandosi sia della predisposizione della documentazione richiesta dal GSE (Gestore Servizi Energetici), sia della risoluzione di problematiche inerenti la realizzazione di progetti energetici implementati in Italia e all’estero, sia dei rapporti con le Amministrazioni fiscali e doganali.
LINK

Potrebbe interessarti anche

12.04.2024
Gestione del diritto d’autore | La sentenza della Corte di Giustizia Ue che potreb ...

Parliamo delle implicazioni della decisione sulla gestione dei diritti d’autore, e dell’apertura a scenari futuri in attesa di eventuali no ...

05.04.2024
Approvato lo schema di decreto legislativo di riforma del diritto doganale: le nov ...

Cosa prevede il decreto approvato in esame preliminare dal Consiglio dei Ministri? L'attuazione di un'altra parte della riforma fiscale che ...

04.04.2024
Le comunità energetiche rinnovabili: i chiarimenti del GSE

Completato il quadro normativo e regolatorio applicabile alle CER - Comunità Energetiche Rinnovabili che disciplina le modalità di incentiv ...