Media | 17.10.2022

Fashion law, la tutela dei brand passa sempre più dagli studi

Le principali maison si rivolgono a esperti in anticontraffazione, ma anche di Metaverso


Marketing & Communication
marketing@lcalex.it

«Il retail ha avuto pesanti conseguenze in seguito alla pandemia. Tra richieste di rinegoziazione dei canoni, rivisitazione delle dimensioni o chiusura dei negozi, i brand hanno dovuto rivedere le loro politiche. Abbiamo assistito a una vera e propria corsa all’implementazione di nuovi canali di vendita non fisici o, almeno, non del tutto fisici, spiegano Gianluca De Cristofaro ed Edoardo Calcaterra di LCA: al “classico” e-commercce, che ha, comunque, dovuto essere rafforzato – in ragione dell’ampliamento della platea digitale – si sono affiancate soluzioni più ibride. È questo, ad esempio, il caso delle vendite attraverso app di messaggistica istantanea (es. Whatsapp) che consentivano ai sales assistant di far fare “un giro” al cliente in negozio, pur essendo a casa. In altri casi i brand hanno “mixato” l’esperienza dell’acquisto in negozio con l’utilizzo di strumenti digitali, anche per necessità».

L’articolo a cura di Antonio Ranalli per italiaoggi.it.

 


Marketing & Communication
marketing@lcalex.it

Potrebbe interessarti anche

10.05.2024
Editoria e intelligenza artificiale | Tra tutela e sperimentazione

Oggi, a The Bar parliamo di uno dei temi più in voga degli ultimi tempi: l’intelligenza artificiale e il suo forte impatto nel mondo dell’e ...

24.04.2024
Furla ottiene con LCA la riassegnazione simultanea di oltre 30 nomi a dominio

La World Intellectual Property Organization accoglie le tesi della Maison, disponendo in un’unica procedura la consolidation e il trasferim ...

23.04.2024
Il modello “Pay or Consent” | L’opinione dell’European Data Protection Board

Il Comitato europeo per la protezione dei dati personali si è finalmente espresso sulla validità dei meccanismi “pay or consent”