Alert | 30.06.2023

Via libera all’11° pacchetto sanzioni contro la Russia

I Paesi dell'Unione europea hanno approvato nuove misure restrittive che rafforzano anche i controlli sulle esportazioni


Marketing & Communication
marketing@lcalex.it

Il Consiglio dell’Unione europea, con il Reg. UE 2023/1216 del 23 giugno 2023, ha adottato l’undicesimo pacchetto di sanzioni alla Russia.

Tra le principali novità si segnala l’introduzione di uno nuovo strumento antielusivo, volto a limitare l’esportazione, verso Paesi terzi che si prestano a operazioni triangolari con la Russia, di specifiche categorie di beni e tecnologie in grado di contribuire al rafforzamento tecnologico del settore della difesa e della sicurezza della Russia. Al momento, tuttavia, l’Allegato XXXIII, che dovrebbe elencare i Paesi terzi a rischio persistente ed elevato di elusione e i beni di cui è vietata l’esportazione, risulta vuoto. Occorrerà pertanto monitorarne le modifiche, al fine di operare in sicurezza e legalità anche qualora si esporti verso destinazioni diverse dalla Russia.

Dal punto di vista delle restrizioni soggettive, sono stati aggiunti 87 soggetti all’Allegato IV, tra i quali figurano, a titolo non esaustivo, tre società di Hong Kong, due dell’Uzbekistan, due degli Emirati Arabi Uniti e una siriana.

Con specifico riferimento alle restrizioni all’esportazione, il Reg. UE 2023/1214 ha ampliato lo spettro dei prodotti listati nell’Allegato VII, includendovi determinati componenti elettronici, ottici e strumenti di navigazione; nell’Allegato XXIII, comprendendovi specifiche tipologie di pneumatici, prodotti tessili, chimici e materie plastiche; e nell’Allegato XXXV, relativo alle armi.

Numerosi beni di lusso (navi da diporto e da sport, cannocchiali, etc.), prima contemplati dall’Allegato XVIII, sono ora contenuti nell’Allegato XXIII e per essi il divieto all’esportazione sussiste a prescindere dalla soglia di valore.

Si segnala, inoltre, che sono state aggiunte nuove categorie di beni all’Allegato XVII, relativo ai prodotti siderurgici originari della Russia o da essa esportati, e all’Allegato XXI, riguardante i beni che generano significativi introiti alla Russia.

Sotto il profilo delle misure adottate all’importazione, è stato introdotto un nuovo onere della prova in capo a coloro che importano prodotti siderurgici listati e lavorati in un Paese terzo, i quali, a decorrere dal 30 settembre, sono tenuti a dimostrare che i fattori produttivi impiegati non provengano dalla Russia.

Specifici divieti colpiscono, poi, il settore del trasporto, sia terrestre che marittimo, con l’obiettivo di impedire che vengano aggirati i divieti sull’importazione di merci e petrolio russo nel territorio dell’UE.

 

DOWNLOAD PDF
Equity Partner
Andrea Carreri
Senior Associate
Valeria Baldi

Marketing & Communication
marketing@lcalex.it

Potrebbe interessarti anche

14.06.2023
Russia: ampliato l’elenco dei soggetti sanzionati ai sensi del Regolamento (UE) 26 ...

Lo scorso 5 giugno il Consiglio dell’Unione Europea ha modificato la lista delle persone fisiche interessate dalle misure restrittive con l ...

16.03.2022
Sanzioni alla Russia: Beni di Lusso ed altre categorie merceologiche

Sono stati estesi i settori economici oggetto di restrizioni e divieti nei rapporti di affari con la Russia, in particolare nel settore "Lu ...

08.03.2022
Sanzioni nazionali per violazioni delle misure restrittive dell’UE in risposta all ...

Alla luce dei continui sviluppi legislativi, è divenuto di fondamentale capire quali siano le conseguenze di una qualsiasi violazione