Media , Law is Art! | 24.03.2021

Law is Art per Exibart: I grandi magazzini d’Italia


Marketing & Communication
marketing@lcalex.it

Il David di Michelangelo è suo malgrado protagonista di dozzine di rivisitazioni in ambito pubblicitario, che di volta in volta plasmano una delle opere più iconiche di sempre adattandola alla propria strategia commerciale.

Non stupisce quindi che da qualche tempo la Galleria dell’Accademia di Firenze, ente a cui è devoluta la cura e conservazione del David, abbia iniziato ad agire con più frequenza anche in sede giudiziaria, per tutelare il proprio patrimonio artistico, traducendo quella sensazione di star assistendo a qualcosa di “intellettualmente sbagliato” nell’oggetto di una controversia processuale.

Il punto di vista giuridico di Miriam Loro Piana sulla questione nel nuovo numero di exibart.

Leggi l’articolo.

Senior Associate
Miriam Loro Piana

Marketing & Communication
marketing@lcalex.it

Arte

La consulenza legale pluriennale ad artisti e collezionisti, musei e gallerie, istituzioni, fondazioni, associazioni e case d’asta, assicuratori, trasportatori e altri player che gravitano attorno al mondo dell’arte, così come la passione per l’arte, la profonda conoscenza del mercato dell’arte e il personale coinvolgimento di alcuni professionisti sulla scena milanese e nazionale, hanno contribuito a sviluppare in LCA uno specifico team dedicato al diritto e alla fiscalità dell’arte.
LINK

Potrebbe interessarti anche

10.05.2024
Editoria e intelligenza artificiale | Tra tutela e sperimentazione

Oggi, a The Bar parliamo di uno dei temi più in voga degli ultimi tempi: l’intelligenza artificiale e il suo forte impatto nel mondo dell’e ...

24.04.2024
Furla ottiene con LCA la riassegnazione simultanea di oltre 30 nomi a dominio

La World Intellectual Property Organization accoglie le tesi della Maison, disponendo in un’unica procedura la consolidation e il trasferim ...

23.04.2024
Il modello “Pay or Consent” | L’opinione dell’European Data Protection Board

Il Comitato europeo per la protezione dei dati personali si è finalmente espresso sulla validità dei meccanismi “pay or consent”