News | 26.02.2024

Fallace indicazione di origine e 231, LCA vince con Unionsped al Tribunale di Gorizia

Si è chiusa una vicenda giudiziaria durata sei anni, che ha visto come protagonisti degli imputati Unionsped, una delle principali società del Nord Est nel settore della logistica e dei trasporti, oltre che nel commercio di prodotti per il riscaldamento


Marketing & Communication
marketing@lcalex.it

Si è appena chiusa al Tribunale di Gorizia una vicenda giudiziaria durata sei anni, che ha visto sul banco degli imputati Unionsped, una delle principali società del Nord Est nel settore della logistica e dei trasporti, oltre che nel commercio di prodotti per il riscaldamento.

Tutto era iniziato nel 2018, con un sequestro disposto dalla Dogana di Gorizia su un’importazione dalla Russia di oltre 20 tonnellate di pellet; sotto la lente di ingrandimento era finita la dicitura sui sacchi, che, a detta degli inquirenti, occultava la provenienza estera della merce, inducendo i consumatori a presumerne un’origine italiana. Nei confronti dell’amministratore unico e della società imputata ex d.lgs. n. 231/2001 (difesi nella fase dibattimentale da Paolo Erik Liedholm, Giovanni Morgese e Carmen Papaleo di LCA Studio Legale), era iniziato un procedimento penale per fallace indicazione di origine, fattispecie punita ai sensi della Legge n. 350/200.

Nel corso del dibattimento, grazie alla testimonianza di esperti nel settore, la difesa ha dimostrato non soltanto l’assenza di contenuti falsi o fuorvianti nella dicitura, ma che quest’ultima era addirittura obbligatoria, in base alle linee guida dettate dall’associazione di categoria ai fini della certificazione di qualità. Sul piano della responsabilità dell’ente, il processo ha fornito l’occasione per trattare il dibattuto tema della contestazione ex. d.lgs. n. 231/2001 alla società unipersonale di fatto, al centro di contrastanti pronunce giurisprudenziali.

All’esito del processo, il Tribunale di Gorizia ha pronunciato sentenza di assoluzione per insussistenza del fatto, chiudendo così una vicenda giudiziaria che dimostra la sempre più frequente ed estesa applicazione della disciplina 231 e la conseguente necessità, per gli operatori, di adottare modelli organizzativi adeguati a schermare la società da ogni genere di contestazione.

 

La notizia anche su legalcommunity.it

Managing Associate
Paolo Erik Liedholm
Managing Associate
Giovanni Morgese

Marketing & Communication
marketing@lcalex.it

Penale

L’attività economica e di impresa è sempre più caratterizzata da rischi, divieti e problematiche che possono assumere rilievo penale. LCA ha quindi costituito un proprio dipartimento di diritto penale, in grado di fornire assistenza altamente specializzata nella prevenzione dei rischi e nella gestione di controversie penali.
LINK

Potrebbe interessarti anche

05.04.2024
Approvato lo schema di decreto legislativo di riforma del diritto doganale: le nov ...

Cosa prevede il decreto approvato in esame preliminare dal Consiglio dei Ministri? L'attuazione di un'altra parte della riforma fiscale che ...

29.03.2024
The Legal 500 (EMEA) – LCA Studio Legale

Usciti i nuovi ranking di Legal 500. LCA in forte ascesa con tante novità sia nei ranking di practice/industry, sia nei ra ...

26.03.2024
I rischi penali del greenwashing e la compliance ESG

Oggi, 26 marzo 2024, entra in vigore la direttiva (UE) 2024/825 sulla responsabilizzazione dei consumatori per la transizione verde