News , Talk | 17.02.2017

PROMOZIONI SCORRETTE VERSO I CONSUMATORI: SANZIONI A SAMSUNG PER OLTRE 3 MILIONI DI EURO


Marketing & Communication
marketing@lcalex.it

Lo scorso 25 gennaio 2017, si è concluso il procedimento, davanti all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM), promosso nei confronti di Samsung Electronics Italia (Samsung) da alcune associazioni di consumatori, sulle modalità di pubblicizzazione di numerose manifestazioni a premio caratterizzate dalla promessa, ai consumatori, dell’attribuzione di prodotti e/o rimborsi sul prezzo, nel caso di acquisto dei beni pubblicizzati da Samsung.

L’AGCM ha ritenuto che i messaggi pubblicitari promossi da Samsung presentassero gravi “carenze informative” sulla natura e sulle condizioni (modalità) della promozione, da seguire per ottenere il premio/vantaggio promesso, configurando un’ipotesi di pratica commerciale (omissiva?) ingannevole ed aggressiva verso i consumatori e, dall’altro, ha ritenuto che le modalità di partecipazione proposte ai consumatori fossero particolarmente gravose.

Secondo l’AGCM le promozioni di Samsung erano strutturate “in maniera tale da indurre il consumatore a scegliere il prodotto Samsung, rispetto ad altri aventi analoghe caratteristiche, proprio in considerazione dell’ingente valore economico sotteso al premio o al rimborso promesso, sul falso presupposto che sia possibile ottenere ‘immediatamente’ e ‘facilmente’ tale vantaggio, come emerge dall’utilizzo costante di termini come ‘regalo, ‘rimborso, ‘premio”.

Secondo l’AGCM, in relazione al profilo della “ingannevolezza”, nei messaggi promozionali promossi dalla società Coreana, non risultava evidente che l’ottenimento del premio non fosse immediatamente collegato all’acquisto del prodotto, ma poteva essere ottenuto solo in un momento successivo, a condizione che il consumatore seguisse la procedura prevista per l’operazione a premio, di cui il consumatore prendeva conoscenza solo dopo aver acquistato il prodotto promozionato.

Con riguardo, invece, al profilo della “aggressività”, secondo l’AGCM, le procedure previste da Samsung erano volte ad “ostacolare” i consumatori nella richiesta del premio promesso, in quanto venivano imposti ai consumatori una serie di adempimenti ripetitivi e da effettuare in un lasso temporale determinato. Non solo; in assenza di una connessione a internet o di un livello di “alfabetizzazione informatica” sufficiente, il consumatore poteva non essere in grado di adempiere a tutti i passaggi previsti.

L’Autorità ha, infine, accertato una pratica commerciale aggressiva anche con riferimento alla raccolta dei dati personali dei clienti, per finalità di marketing, poiché l’azienda Coreana richiedeva, come condizione necessaria per partecipare alle promozioni, la registrazione alla piattaforma Samsung People e il consenso all’utilizzo dei dati personali anche per finalità di marketing.

Alla luce di questi comportamenti, l’AGCM ha erogato – nei confronti di Samsung – una sanzione di circa 3 milioni di Euro.


Marketing & Communication
marketing@lcalex.it

Marketing, Loyalty e promozioni

Lo Studio vanta una peculiare esperienza nella gestione e implementazione di iniziative promozionali, pubblicitarie e di marketing, come anche in riferimento alle strategie di loyalty e lead generation in ambito nazionale ed internazionale. In particolare, il team si occupa di tutti gli aspetti inerenti le manifestazioni a premio (concorsi e operazioni a premio) e i programmi fedeltà, curando le connesse problematiche di natura legale e amministrativa.
LINK

Potrebbe interessarti anche

10.05.2024
Editoria e intelligenza artificiale | Tra tutela e sperimentazione

Oggi, a The Bar parliamo di uno dei temi più in voga degli ultimi tempi: l’intelligenza artificiale e il suo forte impatto nel mondo dell’e ...

24.04.2024
Furla ottiene con LCA la riassegnazione simultanea di oltre 30 nomi a dominio

La World Intellectual Property Organization accoglie le tesi della Maison, disponendo in un’unica procedura la consolidation e il trasferim ...

23.04.2024
Il modello “Pay or Consent” | L’opinione dell’European Data Protection Board

Il Comitato europeo per la protezione dei dati personali si è finalmente espresso sulla validità dei meccanismi “pay or consent”