News , Media | 22.02.2021

Diritti d’autore scaduti, quando l’opera diventa di pubblico dominio


Marketing & Communication
marketing@lcalex.it

Ogni anno, il 1° gennaio, ricorre il «public domain day», ovvero il giorno in cui le opere letterarie che hanno superato determinati limiti temporali divengono di pubblico dominio. Si tratta di un appuntamento molto atteso da editori e altri operatori dell’industria culturale. Per capire la portata del settore basti pensare che solo quest’anno sono diventate di pubblico dominio in Italia tutte le opere create da autori morti entro il 1950, come Cesare Pavese e George Orwell.

Ma l’ingresso delle opere nel pubblico dominio equivale al loro libero utilizzo tout court? «Lato diritti di utilizzazione economica, ciò vale sicuramente per la versione scritta “di pugno” dall’autore ed in lingua originale», afferma Federica Furlan su ItaliaOggi Sette. «Si pensi, però, ad esempio, alla traduzione dell’opera in altra lingua. Trattandosi di una «rielaborazione creativa», tale opera potrà godere di autonoma tutela autorale, così come previsto dall’art. 4 della legge sul diritto d’autore e cadrà, dunque, in pubblico dominio allo scadere dei 70 anni dalla morte del suo autore (traduttore). Allo stesso modo, trasformazioni dell’opera principale che hanno dato vita ad altre forme letterarie o artistiche, costituiranno opere diverse e degne di autonoma tutela autorale. In entrambi i casi richiamati potremmo poeticamente pensare che l’opera originale, se pure caduta in pubblico dominio, continuerà ad essere giuridicamente tutelata con riferimento a tutte le altre forme artistiche o letterarie con cui è stata espressa nel tempo. Senza dubbio, l’ingresso nel pubblico dominio non farà comunque venir meno i diritti morali d’autore, imprescrittibili per definizione. Ciò significa che resterà fermo, in capo agli eredi (coniugi, ascendenti e discendenti), il diritto di tutelare la personalità dell’autore. Gli stessi saranno, dunque, liberi di far valere il diritto alla paternità dell’opera e di opporsi a qualsiasi deformazione, mutilazione o modifica della stessa che possa in qualche modo danneggiare l’autore e la sua personalità.

Scopri l’approfondimento a cura di Antonio Ranalli.

Managing Associate
Federica Furlan

Marketing & Communication
marketing@lcalex.it

Potrebbe interessarti anche

07.06.2024
Greenwashing | Anche un prodotto inquinante può essere green?

In questa nuova puntata di The Bar il protagonista è un carburante diesel “green”. Scopriamo insieme la recente sentenza del Consiglio di S ...

31.05.2024
Personalizzazioni di prodotti e collaborazioni “apparenti” tra brand | Tendenze re ...

Con un ospite speciale, Paolo Lucci, parliamo della tendenza dei brand di personalizzare con i propri marchi prodotti di altri marchi

10.05.2024
Editoria e intelligenza artificiale | Tra tutela e sperimentazione

Oggi, a The Bar parliamo di uno dei temi più in voga degli ultimi tempi: l’intelligenza artificiale e il suo forte impatto nel mondo dell’e ...