“Screens, Props and Electric Lights” di Rä di Martino

22 Novembre 2019

LCA Studio Legale è lieto di annunciare che lunedì 25 novembre 2019 inaugurerà, presso la propria sede di Milano, la mostra di Rä di Martino intitolata “Screens, Props and Electric Lights”, una riflessione personale dell’artista “sull’idea di paesaggio e rovina contemporanea”. La ricerca di Rä di Martino “si fonda sull’indagine del linguaggio filmico e sulla relazione che si intreccia tra il cinema, i suoi miti e la memoria collettiva.” Il risultato è un’analisi “sulla forza dell’immagine e sulle sue potenzialità, dove ad essere esaltato è il gioco di riflessi tra realtà e fiction”, attraverso il quale l’artista “costruisce e analizza storie, creando dei loops tra l’immaginario e la realtà, dove l’immaginario cambia la realtà, e la realtà cambia a sua volta l’immaginario in un ping pong continuo”.

La mostra, realizzata in collaborazione con la Galleria Monica de Cardenas, Axa XL Art & Lifestyle e Apice, si colloca all’interno di “LAW IS ART!”, il progetto di LCA nato nel 2014 con l’obiettivo di promuovere l’arte al di fuori dei circuiti tradizionali e, al contempo, sostenere una nuova identità di studio legale, non più concepito in senso tradizionale, ma come luogo di innovazione, ricerca e confronto aperto, in cui l’arte stimola la creatività e il dialogo, connota l’ambiente in cui la professione si svolge e arricchisce l’interazione con i colleghi e i clienti.

Nell’ambito di queste iniziative, la Project Room di LCA ha ospitato negli anni le opere di Tatiana Trouvé, Letizia Cariello, Chiara Camoni, Botto&Bruno, Franco Guerzoni, Silvia Camporesi e Silvio Wolf. Accogliendo ora il frutto della ricerca artistica di Rä di Martino, gli spazi dello Studio si riconfermano location privilegiata in cui la sensibilità artistica si esprime in un contesto professionale, nonché punto di riferimento per la valorizzazione della cultura nel contesto milanese e italiano.

LCA, inoltre, collabora attivamente da alcuni anni con MIART, la più importante fiera internazionale in Italia dedicata all’arte contemporanea, attraverso il premio “LCA per Emergent”, conferito alla migliore galleria emergente, e l’organizzazione di un evento d’arte, inserito nel calendario della manifestazione, in occasione del quale nella splendida cornice di Palazzo Borromeo sono state allestite, a partire dal 2015, mostre di Letizia Cariello, Brigitte March Niedermair, Michele Guido e Mattia Bosco. Da quest’anno, infine, lo Studio supporta ArtVerona con il Premio “LCA Studio Legale per la Fotografia Under35”.

Alla passione per l’arte contemporanea di alcuni professionisti – promotori, sostenitori e portavoce di questo progetto – lo Studio affianca da sempre una profonda conoscenza del sistema dell’arte e una riconosciuta competenza legale e fiscale in materia. Tutto ciò ha portato al consolidamento di un dipartimento dedicato al diritto e alla fiscalità dell’arte, in grado di assistere i principali player del settore (artisti, collezionisti, istituzioni museali, gallerie, fondazioni e case d’asta) in tutti gli aspetti e le problematiche che contraddistinguono il multiforme mercato dell’arte.

Invito
Email this

bool(false)